una mattina oppure una notte

Una mattina di agosto, proprio nel periodo in cui sei più stanco, decidi che per una notte puoi non dormire. O dormire solamente un paio di ore. Verso l’una prendi l’auto, raggiungi le montagne ed inizi a camminare. Nonostante il freddo. Il sonno. I pensieri ed i problemi. Arrivi alla cima, solamente per vedere questo.

alba

Ti addormenti mentre aspetti. Ti risvegli ai primi raggi di luce, poi dormi ancora un poco e infine ti godi lo spettacolo. La giornata prende un’altro aspetto. L’aria si scalda lentamente. Apri gli occhi con la stessa lentezza. Ti guardi attorno. E rimani senza parole. Senza fiato. Senza paura.

panorama dopo l'alba

Sei salito fin lì e ti sembra di essere arrivato alla cima del mondo. Hai superato una piccola prova. Gli altri scalatori arriveranno più tardi, alla spicciolata. Tu hai camminato di notte, con il buio e una lampadina ad illuminare il sentiero. Potevi perderti, ma non l’hai fatto. Potevi riposare, ma non hai fatto nemmeno quello. Il freddo ti spingeva ad andare avanti. Il freddo e la sua compagnia.

Tutto questo lo puoi fare solo se hai accanto a te una persona straordinaria. E lei camminava con me.

non ci sono dubbi\1

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ vero, su questo non ci sono dubbi, io sono affascinato dalla montagna e dalla neve. Che sia chiaro, non pratico uno sport che sia uno, soprattutto sopra cose scivolose di ogni genere (se si escludono bob e slittini che rimandano ai tempi antichi), ma la montagna mi chiama e richiama di continuo. E adesso che nei parchi vicino casa le cime sono abbondantemente innevate, non potevo non approfittare di queste gelide e terse giornate per fare qualche foto. E adesso tocca a voi sorbirvi una prima carrellata di immagini. Buon sabato!