la raccolta delle olive

L’autunno mostra le sue giornate migliori, quelle di pioggia. Dalla tv ripetono in continuazione gli allarmi della protezione civile per le grandi e medie città, sconvolte dall’acqua che cade abbondante. Qui invece si parla di raccolta delle olive. Si, una cosa semplice ma preziosa allo stesso tempo, che ci regala l’olio da usare in cucina per tutto il resto dell’anno. E domani si inizia, per almeno un paio di giorni, questo rito antico e prezioso.
Giornate all’aria aperta, un bel po’ di fatica con le reti, i rastrelli e il battitore e nel sollevare e risollevare le cassette. Infine l’olio che scaturisce dal mulino, quell’oro verde come lo smeraldo e pieno di intensi odori. Ed infine un assaggio con del pane fresco.
E quelle poche olive che si lasciano sulle piante che per tradizione sono chiamate ‘le olive delle vedove’ perché nei tempi passati erano proprio queste donne sole, e quindi più povere, che passavano umilmente a raccoglierle per avere anche loro qualcosa da mangiare nei mesi invernali.
Buona settimana a tutti!

20121015-224815.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...