Nostalgie

bicchier di vino da osteria

Quando la rucola non c’era‘ è il titolo di un nostalgico libro di Enrico Vaime, grande personaggio della radio e creatore di programmi in tv. E’ un personaggio che oggi sembra fuori moda perché ha mantenuto la schiettezza e la classe di un tempo.

Il suo libro è pieno di ricordi della sua vita e della sua carriera, accarezzati come gatti che fanno le fusa. E’ la storia di altri tempi che oggi sembrano lontani e per questo un po’ edulcorati.

Ma anche io, l’ho già scritto, ho tante nostalgie.

una partita a briscola

Ho nostalgia dei vecchi bicchieri da osteria, quelli che non eri obbligato a sniffare per mezz’ora descrivendo le mille fragranze del vino prima di bere un solo sorso.

Ho nostalgia delle vacanze dai miei nonni, del loro amore per tutti i nipoti, dell’odore del pane che faceva mia nonna con la farina che produceva mio nonno.

Ho nostalgia dei giochi con i miei cugini.

Ho nostalgia dei campi scout sia da ragazzo che da capo.

Ho nostalgia del latte alla menta, quando tutto era più semplice.

Ho nostalgia degli studi universitari e delle giornate di primavera a Roma.

Ho nostalgia delle corse in bicicletta e delle scivolate con la ruota di dietro.

Ho nostalgia del miele delle nostre api e dei prosciutti che facevamo a casa.

Ho nostalgia delle vacanze estive con tutta la famiglia, in montagna.

Ho nostalgia della 500 di mio nonno.

Ho nostalgia del grembiule delle elementari, anche se era davvero brutto.

Ho nostalgia di quando non c’erano i cellulari.

Ho nostalgia di quando tutto era bianco o nero.

Ho nostalgia della semplicità.

Ho nostalgia del latte e caffè (adesso ci sono il cappuccino, il marocchino, il caffè russo, il macchiato caldo o freddo, il corretto…).

Ho nostalgia dei castelli di sabbia.

Ho nostalgia della prima volta che ho letto una poesia di Leopardi.

Ho nostalgia dei primi libri di Benni.

Ho nostalgia della mia prima (ed unica) mountain bike, quella che mi hanno rubato mentre ero a scuola. Qui aggiungete una potente maledizione nei confronti del ladro.

Ho nostalgia del giradischi che gracchiava.

Ho nostalgia del concerto di Capodanno da Vienna ascoltato a casa, in famiglia, poco dopo essersi svegliati, mentre in cucina si prepara il timballo.

Ho nostalgia de ‘Il Giornalino’ e ‘Topolino’ che mi facevano compagnia in estate ed in inverno.

Ho nostalgia della magia del cinema quando sei piccolino.

Se non si è capito, oggi ho nostalgia.

E voi?

5 pensieri su “Nostalgie

  1. Ussignur.. stamattina un colpo nostalgico del genere potrebbe essermi letale.
    Le prime tre nostalgie di questo periodo:
    – tre mesi di vacanze estive che sembravano una vita a parte.
    – i panini alla frittata.
    – aspettare che il fotografo sviluppi il rullino di un viaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...